Due cose su di me

Ho pubblicato i miei primi racconti negli anni Novanta, su un sito internet che avevo creato con il mio pc 486 e un modem che viaggiava a 56k. 

Le prime collaborazioni sono state con riviste indipendenti, giornali locali e piccoli editori. Ma ad allargare l’orizzonte è stato di nuovo il web. E non appena il Kindle di Amazon è arrivato dalle nostre parti, sono arrivate anche le mie prime storie in self publishing. 

Ho partecipato al progetto YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. E quando Amazon è diventato un editore con Amazon Publishing, è iniziata una collaborazione che in quattro anni ha tagliato il traguardo delle 100mila copie. 

Con ‘La notte delle falene’ (prima Amazon Publishing, poi La nave di Teseo) sono stato presentato al Premio Strega da Giancarlo De Cataldo e Roberto Ippolito. I miei romanzi sono stati tradotti all’estero, alcuni sono diventati audiolibri e sono tutti disponibili sia in edizione digitale sia in edizione di carta. 

Scrivo sul quotidiano La Nazione e altre realtà sul web, tra cui Giallorama, di cui sono uno dei fondatori.

(Foto di Marco Arienti Studio)