La stagione del biancospino

(Amazon Publishing, 2017)

Il gatto rosso conosce un segreto. Il gatto nero è morto già altre volte. Il gatto bianco è quello cattivo. Uno strano mondo, aggrappato alle pendici di una montagna toscana, fatto di boschi antichi, leggende remote e un piccolo paese in cui si conoscono tutti. Lì, l’inverno è un pesante manto bianco, una coltre di neve che sembra non dover svanire mai. E una coltre ricopre la mente di Giulio Rodari: arrestato con l’accusa di aver ucciso la sua ex compagna, non ricorda niente di quella notte. Nella sua memoria c’è un vuoto impenetrabile, una dolorosa amnesia. E anche nella memoria del paese c’è una ferita aperta: lo chiamano il Giorno del ponte, ed è il vuoto che quattro anni prima ha inghiottito la vita di sette persone, e ha sconvolto quello strano mondo.

Sotto il manto bianco dell’inverno si celano misteri velenosi. Una parte del vecchio bosco rischia di essere spazzata via, un comitato di cittadini lotta per evitarlo, spiriti inquieti compiono atti inspiegabili, tensioni sottili attraversano la vita di molte persone. Ma i segreti dovranno affiorare, quando la neve se ne andrà, nella stagione del biancospino.

(Disponibile in edizione digitale e di carta)


La notte delle falene

(Amazon Publishing, 2015)

(Candidato al Premio Strega 2016)

Alice è stata uccisa in una mite notte d’estate. Il suo corpo giaceva nel bosco, a pochi passi dalla casa del suo molestatore. Per lui non c’è stato scampo: quella stessa notte l’ha raggiunto, impietosa, la vendetta del padre della ragazza.

Dieci anni sono andati e quella notte è ancora avvolta nelle tenebre: Alice vuole raccontare la sua storia, la sua vita e soprattutto la sua morte. Enrico, il fidanzato di allora, ritorna dopo tanto tempo sui luoghi di quell’immenso dolore. Non si aspetta di dover affrontare quel passato che aveva provato a cancellare, quelle persone che aveva voluto dimenticare.

Sotto lo sguardo sognante e dolce di Alice, gli amici di un tempo saranno riportati a quella notte, quando quel mondo di giovinezza e di luce si è spento, cadendo nel buio di una violenza ancora tutta da chiarire.

(Disponibile in edizione digitale e di carta)


Sette racconti

(Tannhauser, 2015)

Sette storie in un'alchimia di noir, grottesco, dramma, musica rock e ironia. Una ragazza ossessionata dal desiderio del successo si affida a un produttore televisivo per entrare in un talent show; Una donna fuggita dalla sua famiglia ritorna dopo anni e va a ricercare suo figlio; una strana agenzia di «marketing» vende recensioni false di ristoranti per i portali web; un potente uomo d'affari si lascia sedurre da una camgirl e cade nella trappola di un’estorsione; due chitarristi rock incrociano i loro destini nell'occasione che può cambiare le loro vite; una coppia benestante viene presa in ostaggio nel corso di una rapina, dettata in realtà da un desiderio di vendetta; una nuova amicizia mostrerà a un adolescente il fascino ambiguo della cattiva strada.

(Disponibile in edizione digitale e di carta)


Il Leone e la Rosa

(Tannhauser, 2014)

(La prima edizione del libro è uscita firmata con lo pseudonimo Casaubon)

Venezia, 1502. Dalle acque del Canal Grande emergono tre cadaveri orrendamente mutilati. Tra la gente si diffondono la paura e la convinzione che un demone sia arrivato a punire i vizi della Serenissima. Nelle stanze del potere il doge, Leonardo Loredan, vacilla e alle sue spalle si sta preparando una congiura per rovesciare la Repubblica e asservirla a Rodrigo Borgia, papa Alessandro VI. Mathias Munster, un monaco tedesco sospeso dall’insegnamento per le sue idee poco gradite agli ambienti ecclesiastici, è incaricato in gran segreto di indagare sugli omicidi. Lo affianca il giovane Lorenzo Scarpa, il nipote di una delle vittime, uno stampatore, la cui bottega è stata sequestrata per una complicata questione di prestiti e una rivalità destinata a un drammatico epilogo. L’indagine porterà i due al centro di una cospirazione, la cui spiegazione sembra trovarsi nel mondo dell’industria editoriale veneziana: un libro pericoloso è stato nascosto da qualche parte e in troppi lo stanno cercando. Il destino della Repubblica è legato al contenuto di quelle pagine. Un noir storico, ambientato in un momento importante sul quale si fonda l’era moderna: la diffusione della stampa.

(Disponibile in edizione digitale e di carta)


Zona d'ombra

(Tannhauser, 2012 - Edizioni Anordest 2013)

Fabrizio Baraldi è un giornalista. Viene assunto dalla società di un noto personaggio televisivo per raccogliere materiale sulla vita del leader del Fronte Nazionalista del Triveneto, Luciano Zerman, morto in un incidente stradale. Lo scopo della ricerca è una biografia commissionata da un editore che ha stretti legami con il Governo. Baraldi parte per il Veneto e inizia a ricostruire la vita di Zerman, cominciando dal materiale conservato nella sede centrale del partito. Ma un biglietto ritrovato per caso imprime alla sua ricerca una svolta inattesa. E molto pericolosa. C’è qualcosa di poco chiaro nell’incidente in cui Zerman ha perso la vita insieme al suo collaboratore Elvio Masi. Qualcosa che porta il giornalista a incrociare un’altra storia, quella della Divisione. Un’organizzazione di intelligence fondata alla fine della seconda guerra mondiale dal maresciallo delle SS Karl Hass, che ha reclutato un gruppo di militari di cui fanno parte il tedesco Rudolf Baumann e l’italiano Vittorio Monterchi. Collegata alla Cia, la Divisione ha lavorato nell’ombra durante tutta l’era repubblicana contribuendo a manovrare l’opinione pubblica, indirizzandone le scelte per garantire una serie di interessi privati arrivati in Italia con il Piano Marshall. Tra noir e romanzo storico, Zona d’ombra ricostruisce la storia non ufficiale di una democrazia limitata, nella quale ogni volta che si è avvicinato un cambiamento è avvenuto qualcosa che lo ha rimandato. Una storia di spionaggio i cui protagonisti sono gruppi eversivi, uomini politici, servizi segreti, mercenari e giornalisti.

(Disponibile in edizione digitale e di carta)


Nessun dolore

(IoScrittore, 2010 - Tannhauser, 2013 - Editrice Effequ, 2014)

Marco Tagliaferri è un uomo fortunato. Un uomo perbene. Un avvocato rampante che ha ereditato dal padre uno degli studi più importanti della città. Fa parte di quella borghesia che governa, che gestisce gli affari, che stringe mani alle cene del Club privato cui appartiene e si mette in mostra alla messa della domenica. Un uomo perbene. Nella sua collezione di successi, però, ne manca uno: la poltrona di sindaco. Per mettersi in tasca le elezioni stringe un accordo con un losco imprenditore che gestisce locali notturni e prostitute, interessato a mettere le mani sul business dei rifiuti. Lo incontra in uno dei suoi locali, dove conosce una ballerina di lap dance che dopo la serata gli chiede un passaggio. Ma mentre viaggiano su una strada provinciale immersa nella pioggia hanno un incidente. La ragazza è messa male. Può scoppiare uno scandalo in grado di inghiottire tutta la vita dell’avvocato. Tagliaferri deve stabilire fino a dove è disposto a spingersi per salvare tutto ciò che possiede. E la sua corsa al potere si trasforma in una discesa negli inferi popolata di ombre e spettri.

(Disponibile in edizione digitale e di carta)


La lunga notte dell'Iguana

(Editrice Effequ, 2004)

Nel 2034 il potere è in mano a una dittatura che controlla tutto attraverso il Network, con i suoi talk show ai quali il "pubblico sovrano" è obbligato a partecipare. Sotto l'onnipresente sorriso del Presidente, Roma è governata da clan mafiosi in guerra fra loro per il controllo dell'agglomerato (la città del "secolo scorso" e gli ampliamenti avvenuti dopo le Grandi migrazioni). In questo scenario si muove Fargo, un investigatore privato in cura al Dipartimento recupero pessimisti, assoldato da un boss per risolvere un inquietante caso di persone scomparse.

(Al momento, fuori produzione)